Are you a Carer, Occupational Therapist or Physiotherapist? Join our Healsoul.

Protesi Dentali Fisse e Mobili

Protesi dentali fisse e mobili

Le protesi dentali sostituiscono la dentatura naturale compromessa e ristabiliscono funzioni di masticazione fonetiche ed estetiche.
Le protesi dentali si distinguono in due tipologie, protesi fisse e protesi mobili.

Le tipologie di protesi:
fisse e mobili a confronto

protesi-dentali-fisse
Questa tipologia di protesi dentale viene fissata in modo definitivo e permanente, ancorata agli “elementi pilastro”, ovvero i denti in grado di sostenerle, siano essi naturali o artificiali. La caratteristica delle protesi dentali fisse è il fatto che i sostituti artificiali dei denti vengono cementati in modo definitivo sui monconi dei denti.
La protesi dentale fissa può essere parziale o totale:
Protesi-fissa-parziale

Protesi dentale fissa parziale:

la protesi viene utilizzata per ripristinare uno o più denti mancanti.
Protesi-fissa-totale

Protesi dentale fissa totale:

la protesi viene utilizzata per riabilitare l’intera arcata dentale.
Le protesi fisse possono essere utilizzate con scopi differenti:
Protesi fisse di ricostruzione:
usate quando si presenta la necessità di ricostruire da zero le parti anatomiche.
Protesi fisse di sostituzione:
usate quando è necessario sostituire i denti naturali compromessi.
Le protesi fisse possono essere realizzate in diversi materiali come:
Resina:
viene solitamente confezionata nei colori simili a quelli dei denti e può essere caratterizzata individualmente.
Ceramica:
costituisce la scelta principale per i restauri protesici. Preparata in laboratorio, la protesi in ceramica vanta notevoli caratteristiche di estetica, durezza.
Compositi:
sono materiali impiegati anch’essi nelle riabilitazioni protesiche con un estetica simile alla ceramica, ma con minor resistenza.
Le protesi dentali mobili garantiscono il ripristino della funzionalità e l’estetica durante la masticazione, ma devono essere rimosse per la pulizia e l’igiene quotidiana.
Solitamente sono le alternative più tradizionali utilizzate per soggetti in età avanzata.
protesi mobile
Anche per le protesi mobili, esistono 2 varianti:
Protesi-mobile-parziale-3

Protesi mobile parziale:

si ricorre alla protesi mobile parziale quando sono presenti denti residui, ma non abbastanza stabili e resistenti per sopportare una protesi fissa.
Protesi-mobile-totale-2

Protesi mobile totale:

quando siamo in presenza di un edentulia totale dove sarà necessario ripristinare l’intera arcata dentale, con un manufatto chiamato comunemente dentiera.
Le protesi mobili possono essere realizzate in diversi materiali come:
Resina:
viene solitamente confezionata nei colori simili a quelli dei denti e può essere caratterizzata individualmente.
Ceramica:
costituisce la scelta principale per i restauri protesici. Preparata in laboratorio, la protesi in ceramica vanta notevoli caratteristiche di estetica, durezza.
Compositi:
sono materiali impiegati anch’essi nelle riabilitazioni protesiche con un estetica simile alla ceramica, ma con minor resistenza.
protesi-dentali-fisse
Questa tipologia di protesi dentale viene fissata in modo definitivo e permanente, ancorata agli “elementi pilastro”, ovvero i denti in grado di sostenerle, siano essi naturali o artificiali. La caratteristica delle protesi dentali fisse è il fatto che i sostituti artificiali dei denti vengono cementati in modo definitivo sui monconi dei denti.
La protesi dentale fissa può essere parziale o totale:
Protesi-fissa-parziale

Protesi dentale fissa parziale:

la protesi viene utilizzata per ripristinare uno o più denti mancanti.
Protesi-fissa-totale

Protesi dentale fissa totale:

la protesi viene utilizzata per riabilitare l’intera arcata dentale.
Le protesi fisse possono essere utilizzate con scopi differenti:
Protesi fisse di ricostruzione:
usate quando si presenta la necessità di ricostruire da zero le parti anatomiche.
Protesi fisse di sostituzione:
usate quando è necessario sostituire i denti naturali compromessi.
Le protesi fisse possono essere realizzate in diversi materiali come:
Resina:
viene solitamente confezionata nei colori simili a quelli dei denti e può essere caratterizzata individualmente.
Ceramica:
costituisce la scelta principale per i restauri protesici. Preparata in laboratorio, la protesi in ceramica vanta notevoli caratteristiche di estetica, durezza.
Compositi:
sono materiali impiegati anch’essi nelle riabilitazioni protesiche con un estetica simile alla ceramica, ma con minor resistenza.
Le protesi dentali mobili garantiscono il ripristino della funzionalità e l’estetica durante la masticazione, ma devono essere rimosse per la pulizia e l’igiene quotidiana.
Solitamente sono le alternative più tradizionali utilizzate per soggetti in età avanzata.
protesi mobile
Anche per le protesi mobili, esistono 2 varianti:
Protesi-mobile-parziale-3

Protesi mobile parziale:

si ricorre alla protesi mobile parziale quando sono presenti denti residui, ma non abbastanza stabili e resistenti per sopportare una protesi fissa.
Protesi-mobile-totale-2

Protesi mobile totale:

quando siamo in presenza di un edentulia totale dove sarà necessario ripristinare l’intera arcata dentale, con un manufatto chiamato comunemente dentiera.
Le protesi mobili possono essere realizzate in diversi materiali come:
Resina:
viene solitamente confezionata nei colori simili a quelli dei denti e può essere caratterizzata individualmente.
Ceramica:
costituisce la scelta principale per i restauri protesici. Preparata in laboratorio, la protesi in ceramica vanta notevoli caratteristiche di estetica, durezza.
Compositi:
sono materiali impiegati anch’essi nelle riabilitazioni protesiche con un estetica simile alla ceramica, ma con minor resistenza.